#arteecultura

Palazzo Melzi d'Eril completamente rinnovato

Fondazione Cariplo nasce nel 1991 e da allora ha impegnato oltre un miliardo di euro a favore di più di 10 mila progetti in ambito culturale

“La Fondazione ha sempre agito mettendo in pratica un alto esempio di mecenatismo moderno, affidando alla cultura il ruolo di innovatore e facilitatore di nuove opportunità di sviluppo. La Cultura è considerata da noi un potente strumento di inclusione sociale e di crescita personale. Abbiamo sostenuto progetti culturali in grado di generare sviluppo e opportunità di lavoro come ben dimostra il progetto Distretti culturali, caso unico in Italia e in Europa. Non solo recupero dei beni, ma riscoperta e rinascita del territorio attraverso il rilancio di processi economici, turistici e sociali che mettano al centro il patrimonio artistico e architettonico”, dichiara Giuseppe Guzzetti, Presidente di Fondazione Cariplo.

La Fondazione ha scelto di ampliare la propria azione passando dal sostegno di operazioni di esclusivo restauro alla promozione di pratiche di buona gestione e conservazione dei beni culturali. Questa visione si basa sulla convinzione che il patrimonio culturale rappresenti un’opportunità unica di sviluppo economico e sociale: il patrimonio si trasforma così in occasione di crescita per le imprese e le comunità. In dieci anni di azioni specifiche dedicate alla conservazione e valorizzazione, l’intervento di Fondazione Cariplo ha portato a intervenire su oltre 400 beni storico-architettonici con un investimento di quasi 90 milioni di euro.

Il progetto dei Distretti culturali lombardi è stato il primo esperimento avviato da Fondazione Cariplo per valorizzare, con un modello nuovo, il patrimonio artistico e architettonico. La Fondazione ha destinato ai sei distretti circa 20 milioni di euro, raccogliendo cofinanziamenti sul territorio pari ad oltre il doppio di quanto investito e generando un progetto complessivo da 52 milioni di euro. Il progetto rappresenta, ancora oggi, un esempio unico di intervento di sistema su area vasta “rendendoci fieri di questa capacità di fare, dettata dalla volontà di ritornare ad una cultura utile alla crescita delle competenze, delle persone, e capace, su ampia scala, di armonizzare i rapporti”, afferma il Presidente. 

Non solo territorio ed esperienze locali, ma anche capacità di conservare per le generazioni future un immenso capitale artistico, messo a disposizione nelle Gallerie di Italia o custodito negli archivi della Fondazione ed oggi straordinariamente in mostra in una sede altrettanto prestigiosa, Palazzo Melzi d’Eril, i cui lavori di restauro ci restituiscono l’eco di un passato glorioso consegnato oggi alla collettività.

Il restauro della sede 

Sergio Urbani, Direttore Fondazione Cariplo: “Una sede ristrutturata che rappresenta innovazione e tradizione. Sono appena terminati i lavori, durati  diciotto mesi, e oggi possiamo ricollocare in questi ambienti alcune tra le più preziose opere d’arte di nostra proprietà. Passato e innovazione si mescolano. È stata un’operazione molto coerente con la nostra missione: solitamente valorizziamo i beni di altri soggetti, oggi cerchiamo di premiare il nostro bellissimo Palazzo, affinché esso stesso rappresenti il simbolo di un mecenatismo moderno. Il palazzo è stato spesso aperto al pubblico e nel corso degli ultimi anni sono passate da qui più di 5 mila persone”.

Con l’aiuto della storica dell’arte Paola Zatti si ripercorrono secoli di storia e bellezza attraverso le opere del Tiepolo (Cacciatore a cavallo e Cacciatore con cervo), di Luca Carlavarijs (Capriccio con scene di vita in una città portuale), fino a Guglielmo Ciardi (Pescatore in laguna) e ai disegni di Achille Funi (La Gloria e Minerva).

Renato Ravasio, Amministratore Unico di Fondazione Cariplo - Iniziative patrimoniali Spa: “ Con l’esposizione delle 135 opere nella sede museale di Gallerie d’Italia – Piazza Scala, la partecipazione a prestigiose rassegne nazionali ed internazionali , l’iniziativa Open (tour di eventi espositivi che sta portando il patrimonio d’arte della Fondazione in tutta la Lombardia, nelle province del Verbano Cusio Ossola e di Novara), la collezione aggiornata e disponibile online (www.artgate-cariplo.it), la collaborazione con importanti istituzioni culturali, afferma “stiamo concretizzando l’obiettivo che ci eravamo dati alcuni anni fa: portare l’arte nelle comunità, rendendola accessibile ad un più ampio pubblico, in particolare ai giovani e a coloro che raramente entrano in contatto con la cultura.

Per svelare e valorizzare la Collezione d’arte della Fondazione Cariplo ha investito risorse ed elaborato una progettualità dedicata: Artgate.

Il progetto  è articolato in varie proposte culturali destinate al più ampio pubblico (allestimento di un sito dedicato www.artgate-cariplo.it, prestiti temporanei di opere d’arte a prestigiose mostre in Italia e all’estero, partecipazioni ad altri eventi culturali in sinergia con altre istituzioni culturali (Wikipedia, Acri, Google Art Project) e in attività didattiche rivolte al mondo della scuola (iniziativa ArtL@b), riconoscendo ancora una volta all’arte e alla cultura in generale la capacità di un racconto artefice di rinnovamento e confronto con le generazioni future.

La Cultura per rigenerare la città

L’ultima frontiera per Fondazione Cariplo è utilizzare la Cultura come fattore di rigenerazione urbana con il progetto Lacittàintorno che si propone di sviluppare iniziative capaci di rendere la comunità locale attiva, partecipe e protagonista del proprio quartiere. Con un investimento complessivo di 10 milioni di euro in tre anni il programma intersettoriale ha l’obiettivo di favorire il benessere e la qualità di vita nelle periferie attraverso il potenziamento delle funzioni e dei servizi presenti. Il programma si realizza in collaborazione con il Comune di Milano, in particolare nelle aree Adriano-Via Padova e Corvetto-Chiaravalle, per poi diffondersi in altre realtà urbane del territorio lombardo.

Gallery

correlate

arteecultura

presidente guzzetti Lubec edited

Guzzetti: Fondazioni e cultura, fattori di crescita del capitale sociale

Una Lectio Magistralis del Presidente nell'ambito di Lubec 2018
Leggi tutto