#serviziallapersona

Con “Doniamo Energia” 6000 persone al caldo

Povertà educative, povertà alimentari, povertà energetica: sono tre declinazioni della povertà che Fondazione Cariplo si impegna a combattere insieme alle istituzioni, agli enti non profit e alle aziende, secondo un modello che poggia sui tre pilastri: pubblico, privato e privato sociale.

Il bando “Doniamo Energia”, promosso in collaborazione da Banco dell’Energia e Fondazione Cariplo, rappresenta una delle iniziative di contrasto alla povertà. 15 progetti verranno finanziati per supportare situazioni di vulnerabilità economica e sociale su tutto il territorio lombardo. Il Banco dell’energia Onlus è un ente senza scopo di lucro, promosso da A2A e dalle Fondazioni Aem e ASM, nato nel 2016 con l’obiettivo di raccogliere fondi per supportare persone e famiglie appartenenti a fasce sociali deboli a rischio povertà.  

L’incontro tra Banco dell’energia e Fondazione Cariplo ha permesso di unire risorse e competenze per sostenere le persone in fragilità economiche con percorsi di sostegno e “ripartenza” a 360°, in prima battuta attraverso la distribuzione di beni di prima necessità o il pagamento di spese urgenti come ad esempio le bollette di qualunque operatore energetico, per poi pensare a percorsi di presa in carico e riattivazione, che prevedano forme di reinserimento lavorativo e sociale e di ripensarsi risorse per la comunità, in un’ottica di welfare generativo

Sono 68 gli enti non profit che hanno presentato in partenariato i progetti che hanno ottenuto il contributo sul bando “Doniamo energia” e che sosteranno 6.000 persone in difficoltà. 

Il bando è stato articolato in due fasi: la prima fase, conclusasi il 15 marzo 2017, prevedeva la presentazione da parte degli Enti interessati di Idee progettuali sintetiche: sono pervenute 62 idee, di cui 36 sono state ammesse alla Fase 2 che si è conclusa il 10 luglio 2017. Sono quindi stati selezionati 15 progetti, che riguardano tutta Lombardia e nello specifico: 

  • 4 Milano città (di cui 3 su zone specifiche della città, tra cui Quarto Oggiaro e Giambellino)  
  • 4 provincia di Milano (Comune di Baranzate, Cassano d’Adda, Cernusco sul Naviglio e Sesto San Giovanni) 
  • 1 Pavia, 1 Crema, 1 Cremona, 1 Varese, 2 su Brescia e provincia e 1 su tutta la Regione Lombardia.  

Sui siti fondazionecariplo.it e bancodellenergia.it è disponibile l’elenco completo dei progetti aggiudicatari e delle organizzazioni capofila che li hanno presentati. 

I progetti selezionati, che prendono il via in queste settimane, hanno un costo totale di 3.400.000 euro a fronte di un contributo complessivo di 2milioni di euro di risorse: un milione garantito da Fondazione Cariplo e uno messo a disposizione dal Banco dell’energia, attraverso un’ampia campagna di raccolta fondi che ha visto il coinvolgimento di A2A e la grande adesione dei suoi amministratori e dipendenti, di aziende fornitrici e clienti, sindacati e pensionati, insieme al contributo delle Fondazioni Aem e Asm.  A2A, oltre ad aver sostenuto tutti i costi di avviamento del Banco dell’energia e della raccolta stessa, ha raddoppiato anche le donazioni effettuate dai clienti domestici di A2A Energia, la società commerciale del Gruppo. 

In sede di selezione dei progetti si è prestata particolare attenzione alle modalità per individuare i beneficiari - in particolare per quanto riguarda la focalizzazione sulla vulnerabilità e le modalità di intercettazione precoce: farmacie, medici e dentisti, sportelli di consumatori, ma anche sportelli informativi sui territori, sono i luoghi in cui le organizzazioni incontrano le persone che si trovano in un momento di difficoltà economica e sociale e hanno bisogno di un sostegno per poter ripartire. Lo sforzo che è stato premiato in sede di valutazione è quello di guardare alle persone vulnerabili con modalità diverse: spesso i nuovi poveri sono difficili da intercettare da parte degli attori del pubblico e del privato sociale che lavorano con povertà strutturate; le persone che stanno affrontando un momento di difficoltà economica per la prima volta a causa della perdita del lavoro, se non vivono all’interno di un contesto di forti legami sociali (ad esempio non hanno parenti prossimi o una rete amicale di riferimento), si trovano a isolarsi ancor di più. Persone che non hanno mai vissuto prima momenti di crisi sono, da un lato, restie a rivolgersi ai servizi preposti e, dall’altro, difficilmente sanno orientarsi tra servizi e opportunità esistenti. Inoltre le organizzazioni che lavorano con la povertà conclamata, non sempre riescono ad intercettare questo tipo di famiglie.  

Il Banco dell’Energia sta continuando a raccogliere fondi per riproporre il Bando con Fondazione Cariplo nel 2018 e per lanciare nuove iniziative. Per partecipare alla raccolta fondi, i clienti di A2A Energia con contratto elettricità (mercato libero) o gas possono richiedere l'addebito  diretto  della  donazione  in  bolletta. 

correlate

istituzionali

ai margini povertà educativa

Risposte alla povertà educativa e economica

Venerdì 13 ottobre l'incontro "Ai margini. Povertà educativa e periferie"
Leggi tutto

serviziallapersona

welfare 4 edizione

Il Welfare di Fondazione Cariplo gira!

Oltre 115 mila persone sui territori e 600 organizzazioni coinvolte nel progetto
Leggi tutto